Tyro: I caschi blu italiani per Il sociale

Shama (Libano) 15 giugno 2013. Anche i caschi blu italiani hanno preso parte all’organizzazione delle “Special Olympics Lebanon” svoltesi a Tyro lo scorso 15 giugno.

Il Sector West di Unifil( United Nation Interim Force in Lebanon) e il Contingente italiano hanno organizzato, per i giovani atleti diversamente abili, un rinfresco al termine delle gare.
La “Special Olympics” è un’organizzazione umanitaria internazionale che si occupa di sport a favore dei diversamente abili.
Alla manifestazione di Tyro hanno preso parte circa cento atleti, uomini e donne, che si sono cimentati nelle varie discipline atletiche.

Ad occuparsi dell’organizzazione del rinfresco è stata la componente Civile e Militare del battaglione di manovra italiano (Italbatt) a guida Reggimento Lagunari “Serenisima” agli ordini del Colonnello Giovambattista D’Alessio.

La collaborazione all’evento, chiesta dal comitato organizzatore, ha trovato la pronta risposta dei caschi blu italiani che direct lender payday loans no teletrack proprio Maxoderm nella città di Tyro svolgono numerose attività finalizzate al supporto della popolazione locale. Tali eventi, entrano a pieno titolo fra quelli previsti dalla Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite assieme al monitoraggio della cessazione delle ostilità e l’assistenza alle Forze armate libanesi.

Il contingente italiano in Libano è attualmente a guida Brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli” che in Italia ha la propria sede a Gorizia e dalla quale dipende il Reggimento Lagunari. Al contingente italiano spetta, inoltre, il comando del Sector West di Unifil cui fanno parte i contingenti: del Brunei, Finlandia, Ghana, Irlanda, Malesia, Korea, Slovenia e Tanzania.

La missione Unifil, nata nel 1978 è attualmente comandata dal Generale Paolo Serra e vede la partecipazione di 36 paesi.

Tenente Biagio LIOTTI
Capo Cellula Pubblica Informazione del Sector West di UNIFIL e Portavoce del Contingente Italiano.