Nasce Me-Mo, per raccontare le guerre che nessuno conosce

Storie di guerra, storie di giornalisti: vi abbiamo appena fatto conoscere colui che sarà il prossimo protagonista degli eventi Genius Off, Fausto Biloslavo. Quello degli inviati di guerra è però un argomento che si sta sviluppando in giro per il mondo: su segnalazione della nostra Stefania Quaini di HUB, ecco un articolo de “Il Corriere.it” dove si parla di inviati di guerra e crowdfunding. Due argomenti sempre più attuali e da tenere in considerazione.

“Il crowdfunding funziona. Anche per raccontare quelle storie che tutti dovrebbero ascoltare e leggere, ma che a volte non trovano spazio sulle pagine dei media tradizionali. Grazie ai soldi raccolti tramite la rete nasce Me-Mo un progetto di cinque fotogiornalisti: Fabio Bucciarelli (Robert Capa Gold Medal, World Press Photo, Prix Bayeux-Calvados), Manu Brabo (Pulitzer Prize, Prix Bayeux-Calavados, POYi), Guillem Valle (World Press Photo, Best of Photojournalism), Diego Ibarra Sánchez (NYT contributor) José Colón (AFP contributor). Si tratta di una rivista interattiva fatta di fotografie e documentazione multimediale. (nella foto di Diego Ibarra Sánchez, le violenze in Pakistan)”