Mostra operazione bambini della Moldavia

Due anni or sono quando ha avuto inizio l’opera di collaborazione missionaria, voluta fortemente dal nostro Arcivescovo, tra le Diocesi di Trieste e quella moldava di Chisinau, affiancata dalla Fondazione Regina Pacis che opera nel territorio moldavo, ci si proponeva di portare a conoscenza dei giovani della nostra Diocesi, la realtà di profonda povertà che colpisce quel territorio dell’est Europa. Il più povero di tutta l’Europa! E’ nato, così “Giovani di Trieste-Varvareuca”, non solamente un simbolo, ma un vero e proprio slancio di amicizia, condivisione e collaborazione che contraddistingue le iniziative che coinvolgono i giovani della nostra diocesi che già hanno partecipato al campo lo scorso anno appunto a Varvareuca (villaggio di 3.000 abitanti situato 150 km a nord della capitale Chisinau) e altri che parteciperanno il prossimo 29 giugno per due settimane… ma anche gente di buon cuore e volontà che, nei limiti delle possibilità, portano il loro contributo verso i poveri, ragazzi e bambini della Moldova anche attraverso materiali e generi di prima necessità. Dai partecipanti all’iniziativa dello scorso anno è nata la voglia di costruire un piccolo spazio- campo giochi, per permettere ai ragazzi di Varvareuca di poter giocare e stare assieme nella vicinanza della casa dei volontari, progetto che stiamo portando avanti con il contributo e l’aiuto di proenhance work tanta generosità e persone di buona volontà della nostra città. In questo contesto di interscambio con la Fondazione Regina Pacis (già alcuni operatori hanno trascorso alcuni giorni nella nostra Caritas diocesana per apprendere le modalità del lavoro), si inserisce questa mostra realizzata con il contributo di tanti imprenditori. Il ricavato della mostra sarà devoluto, attraverso l’Ufficio di pastorale missionaria della nostra Diocesi, alla Fondazione Regina Pacis di Chisinau e servirà anche a finanziare il progetto campo giochi. I dipinti sono stati realizzati interamente dai ragazzi moldavi attraverso un concorso organizzato dalla Fondazione stessa presso un Centro Commerciale della Capitale moldava che ha visto la partecipazione di “giovanissimi pittori” provenienti da varie parti del territorio.
Ringraziando tutti coloro i quali hanno collaborato a titolo gratuito alla realizzazione della mostra, ricordo che la stessa rimarrà visibile fino al giorno 3 di luglio presso l’atrio della Curia vescovile in orario d’ufficio. Per l’occasione i ragazzi e bambini ospiti della casa “il Cenacolo” di Chisinau, opera della Fondazione Regina Pacis che accoglie ragazzi e bambini abbandonati, orfani e disagiati; hanno preparato delle collanine con crocette fatte e dipinte a mano come segno di ringraziamento e gratitudine. Concludo con il nostro motto: “Giovani di Trieste-Varvareuca… continua!”

“Giovani di Trieste-Varvareuca”
Il referente don Mario De Stefano