Massimiliano Forza:” El Duende”

Menzione obbligatoria: foto di Federica Riva –  2011
info: federiva@infinito.it   +39 335 8414259

 

In tutta I’Andalusia la gente parla sempre del duende e lo scopre d’istinto. Il famoso cantante “El Lebrijano”, creatore della “Debla”, era solito dire: – “Quando canto con duende nessuno può competere con me”. Quando la vecchia ballerina di flamenco sale sul palco per una sua straordinaria esibizione, parte un esclamazione: “Ole! Qui c’e duende!” Manuel Torre, uomo di comportamento folle e frenetico che attraverso il suo canto tracciava una linea retta nel profondo del cuore, voce graffiante di chi ascolta il suo lamento malinconico, disse questa verità in una frase: “Tutti i suoni oscuri hanno duende”. Questi suoni oscuri sono il mistero, lo spirito che strappa le radici e le impianta nel fango, nella terra, che tutti conosciamo ed ignoriamo allo stesso tempo, da cui nasce pero la sostanza e la linfa dell’arte… …il fago, la terra, il paesaggio. Dunque il duende è un dono, viene dal profondo.
Il tema della fede e della speranza in andalusia, è vissuto con una straordinaria vocazione non bigotta ma assolutamente libera e laica da Massimiliano Forza, si sente legato e ama la terra andalusa, ama molto la sua cultura che ha una forma di vita completamente diversa da quella della terra italiana.
Massimiliano Forza: Credo che ci sia una consapevolezza inconscia da parte delle persone per la quale, alcune cose vengono accettate e altre non vengono accettate, per qualche motivo misterioso che ci arriva dallo spirito che possediamo. E’ molto più conveniente e propositiva un energia che sprigiona gioia e che nasce interna, profonda e che a volte abbiamo a volte no, e che la sosteniamo allo stesso modo.
Parti da una costruzione semplice, le cose più interessanti che puoi leggere, vedere oppure ascoltare hanno una grande semplicità in se, bisogna saperla solo cogliere, ma quando le cose arrivano a noi ma non vengono recepite e al contempo non è detto che vengano capite, ci si trova di fronte ad una grande difficoltà di espressione, quello spirito che arriva dal profondo non c’è, è assente.

Il tempo: tempo che scorre, tempo scandito dai nostri impegni oppure un tempo misurato sulle nostre percezioni?
Massimiliano Forza: ” Passiamo attraverso il tempo che noi ascoltiamo.”
Il tempo è al di la di noi,è un tempo che non decidiamo noi, è un tempo che possiamo ascoltare, ma se noi non passiamo attraverso quel tempo non si compirà il divenire, non sentiremo conclusa quella fase fino a quando quell’esperienza non terminerà in modo da poterci staccare da essa, come in antichità il fluire dell’acqua veniva usata proprio per misurare il tempo, il divenire .
Molto spesso si ha la sensazione ad essere tu con la tua vita a dominare i tuoi impulsi. Credo che le piccole azioni che posiamo fare possono influenzare fino ad un cero punto il nostro percorso, dopo di che, entra in gioco l’intervento del destino, che lo si voglia esprimere in forma di religione cattolica con la discesa dello spirito santo che togliere il peccato virility max pills review e il male come se fosse un alba. La notte è impura mentre l’alba porta il giorno e il necessario apporto di noi stessi rispetto al mondo e il rapporto con gli altri, sforzandoci ogni giorno di averlo , così come coltivando la speranza.
Ecco, questo è quello che possiamo fare, che possiamo decidere con le nostre forze. Poi abbiamo a che fare con qualche cosa che non riusciamo a capire e riguarda in modo semplice la sensazione che tu hai quando in un incontro vero che può essere di natura lavorativa o di una semplice amicizia, come può essere anche un incontro con un maestro che segnerà il tempo, si muove in te , in senso profondo, uno spirito che arriva dal profondo.
E’ percepibile e inconfondibile, che la dote principale di Forza come narratore è la pazienza. Pazienza per lui significa non avere fretta, essere disponibile ad ascoltare il vissuto e le vicende, prendere dei tempi non scanditi.

Che legame ha con la permanenza nella città di Trieste?
Diciamo che la permanenza a Trieste è basata su legami di nascita. La città mi ha sempre riconosciuto sia come scrittore si come musicista, ma si è giunti ad un livello tale, paradossalmente, che è paragonabile ad un matrimonio arrivato ad uno stato di convivenza, viviamo ma non ci amiamo più. Non sento la città legata ad un tempo presente.
Trieste, grembo che genera parole al posto delle anime.

Il teatro.. gli artisti… due chiacchere
Ci sono due possibilità o sei un grande genio, vedi Albertazzi con il quale ho collaborato all’inizio della carriera in un spettacolo straordinario, un artista unico, uno stradivari insomma, lui risuonava con il suo recitare, se non sei così, non puoi essere altro.
Facendo un passo indietro, gli attori venivano considerati maledetti perché riuscivano a muovere qualche cosa d’altro, quello spirito che arriva dall’interno. Questo è il grande mezzo dell’arte sia della pittura che dell’ arte o del canto, sottointendere al di la di quello che c’è, una parola scritta in una cera maniera da subito una sensazione e un emozione.
Ma non parliamo di musica ne delle sperimentazioni che vorrei fare a teatro, mi piace narrare un viaggio, capace di esplorare senza paura, dentro gli abissi della coscienza dell’uomo, una corsa che porta con se parole allo stesso ritmo incalzante , la vita giocata in un sorpasso continuo con un ottimismo urticante.

[nggallery id=219]

Bibliografia
Massimiliano Forza è nato a Trieste nel 1966. Autore di musiche di scena per i più importanti teatri italiani e narratore. Ha collaborato con registi quali Giancarlo Cobelli, Francesco Macedonio, Giuseppe Emiliani, Vincenzo Salemme, Giorgio Albertazzi, per citarne alcuni.
Nel 2001 ha pubblicato per Piemme il libro di racconti Antifurti Psicologici, finalista Premio Chiara 2001, cui hanno fatto seguito la novella Lettera ad un’amica (Artè, 2003), l’antologia Verso Dove (Fernandel, 2003) e il romanzo No Family Man (Travenbooks, 2007), che ha ricevuto una menzione speciale al Premio Letterario Internazionale Scritture di Frontiera dedicato a Umberto Saba. Ha vissuto per lunghi periodi a Roma, Londra e Milano.

massimilianoforza.wix.com