L’estate sta finendo

Ed è proprio così. L’abbiamo sperimentato, ancora una volta, lungo questa estate piovosa, umida e …Fiumi di torrenti in piena un giorno sì  e un giorno no; esondazioni, allagamenti, frane; feste e sagre all’aperto rimandate più volte e poi soppresse definitivamente; turismo, specie quello di montagna ma non solo, in ginocchio; vacanze rovinate. I vari siti di meteorologia stanno raccogliendo diligentemente i molti record di questi mesi: pioggia caduta, fulmini, temperatura sotto la media; noi tutti, gente comune, ricorderemo sicuramente questa estate come una delle peggiori.

Eppure credo che, a esperienza ormai finita, sia doveroso anche evidenziarne un aspetto positivo: nostro malgrado ci siamo dovuti rendere conto dei nostri limiti e questo ci fa bene. Crediamo di essere padroni del mondo, di tutto, di poter programmare tutto… invece non è così. Siamo esseri limitati e bastano quattro nuvole e un “temporaletto” per mandare a gambe all’aria tutti i nostri progetti. Qualcuno ha detto e scritto che il clima ha condizionato, nel bene e nel male, i grandi eventi storici, dall’ascesa di Roma alla Rivoluzione francese. Presi da mille preoccupazioni e ormai in parte rinfrancati dai ritmi delle stagioni, forse non ci rendiamo conto di come anche oggi siamo ancora condizionati dagli eventi naturali, anche da quelli minimi. La brutta estate di quest’anno ce l’ha ricordato con forza. Il bagno di pioggia ci è servito per un sano bagno di umiltà. “ C’è chi piange e c’è chi ride…”, abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo mesi di guerre crudeli e di grande violenza contro i cristiani. Piangono le popolazioni dell’Ucraina, piangono i parenti dei passeggeri del boeing maltese, piangono gli abitanti di Gaza, piangono i Siriani, piangono i cristiani dell’ Iraq, piangono i Libici…  Ci sono però le parole di Gesù : “Beati voi, che ora piangete, perché riderete…Guai a voi, che ora ridete , perché sarete nel dolore e piangerete” !

Da credente sono sicuro che queste parole si realizzeranno. Spero solo che ciò avvenga presto. Ed è proprio per questo che tutti i giorni prego dicendo: “Venga il Tuo Regno!“.

foto FLB