Il messaggio dell’ Arcivescovo Giampaolo Crepaldi

Carissimi fratelli e sorelle,

la Diocesi di Trieste esprime la sua gratitudine al Signore che ha voluto dare alla sua Chiesa un nuovo Santo Padre nella persona di Papa Francesco, la cui elezione a Successore dell’ Apostolo Pietro alla Cattedra di Roma ha riempito di gioia tutto il popolo cattolico del mondo.
La scelta di chiamarsi Francesco – come il Poverello di Assisi e il grande missionario gesuita Francesco Saverio -, l’aver pregato il Padre nostro, l’Ave Maria e il Gloria al Padre con il popolo radunato in Piazza San Pietro e l’aver chiesto la preghiera del popolo nel mentre si inchinava nel gesto esemplare della -, l’aver pregato il Padre nostro, l’Ave Maria e il Gloria al Padre con il popolo radunato in Piazza -, l’aver pregato il Padre nostro, l’Ave Maria e il Gloria al Padre con il popolo radunato in Piazza San Pietro e l’aver chiesto la preghiera del popolo nel mentre si inchinava nel gesto esemplare della -, l’aver pregato il Padre nostro, l’Ave Maria e il Gloria al Padre con il popolo radunato in Piazza hgh diet San compare vigrx plus vs super x Pietro e l’aver chiesto la preghiera del popolo nel mentre si inchinava nel gesto esemplare della pietà cristiana, l’aver domandato, con semplicità e umiltà, di percorrere i cammini della fraternità nella Chiesa e nel mondo, sono i primi ed eloquentissimi segni del suo pontificato che richiamano tutti a riportare tutto a Dio, fonte certa di ogni salvezza e di ogni rinnovamento personale ed ecclesiale.
Al nuovo Papa assicuriamo la fedeltà di tutta la nostra Chiesa al suo Magistero e anche la nostra preghiera per un fecondo Ministero di rinnovata evangelizzazione in questo Anno delle fede che ci impegna a incontrare Cristo e il suo Vangelo di grazia.

Vi benedico di cuore.
Giampaolo Crepaldi

Arcivescovo – Vescovo di Trieste

14 marzo 2013