Buon compleanno Arena di Verona

All’interno di Palazzo Forti, il museo si mette in mostra in occasione della celebrazione del centesimo anniversario del Festival Lirico dell’Arena di Verona inaugurando quattro mostre all’interno un iniziativa più completa, tra cui la mostra dal titolo “ l’arena “, la mostra dedicata al grande tenore Pavarotti “Amo Pavarotti” dal 23 aprile allestita all’ ” ArenaMuseOpera “.
Il Maestro, famoso ambasciatore della musica è stato un icona della lirica riconosciuto in tutto il mondo tant’è che il 1 giugno sarà presentata un anteprima del galà del festival in prima serata televisiva su Rai dal titolo ″Lo spettacolo sta per cominciare″, con una riedizione dei tre tenori, Domingo, Carreras e Bocelli, dedicata proprio a Pavarotti, che nel 1973 cantò per la prima volta in Arena.
L’esposizione,presente al piano terra di Palazzo Forti, occupa nove sale e propone oltre a foto e costumi di scena anche una registrazione delle prove di Turandot nel 1997 al Metropolitan di New York, dove lo si vede in camerino mentre si prepara e si corregge, poi la magia del posto e l’uscita in scena, riprese eseguite da Nicoletta Mantovani mai fino ad ora proposte al pubblico, un inedito assoluto per l’occasione, oltre alle immagini video di Bono e Pavarotti e molte altre.
Lui che è sempre stato ″ un grande ambasciatore della cultura italiana nel mondo è stato anche un ambasciatore di generosità: era importante fare qualcosa qui ″ a Verona, perché New York è ″stato il palcoscenico che ha lanciato la sua carriera ed è sempre stata importante per Luciano″ asserisce Nicoletta Mantovani.

[nggallery id=244]

L’iniziativa newyorchese è infatti legata a una operazione congiunta tra la Fondazione e la San Pellegrino: ″Luciano ha sempre stato un campione del bene fino a poco prima di morire ″, ha detto la sua vedova. La società leader dell’acqua minerale ha dato Buy Cialis Performer5 il suo contributo al progetto ″Talenti Italiani″ della Fondazione e per l’occasione ha realizzato una bottiglia speciale con l’etichetta ispirata all’opera lirica e al Maestro. Un prodotto esclusivo, realizzato in tre milioni di esemplari che verrà distribuito nei migliori ristoranti e servirà finanziare borse di studio per giovani cantanti.
“Amo “, acronimo di “ArenaMuseOpera” un museo ricco di suggestioni, ed è proprio dal giusto connubio tra museo e la sua anima che nasce il museo per raccontare il percorso creativo dell’opera lirica e divulgarla nel mondo, facendo un lavoro di valorizzazione oltre che educativo. Il progetto “Amo” toccherà molti paesi del mondo con sette esposizioni per una durata di tre anni, non solo location quali teatri lirici ma anche teatri dell’arte, una mostra che abbraccia un ampia visione del teatro dove non si sente solo musica ma la vediamo legata ai bozzetti, ai costumi, alla scenografia, alla regia. Il progetto nasce con il nome “dall’ idea alla scena”.
Il sovrintendente della Fondazione Arena di Verona, Francesco Girondini, ha affermato che “il Museo dell’opera è stato inaugurato l’anno scorso affinché fosse pronto per il Festival del centenario lirico areniano”.
“E chi meglio di Luciano Pavarotti poteva rappresentare il mondo dell’opera, lui che all’Arena di Verona ha cantato nel corso degli anni in ben sette stagioni”. Girondini ha concluso evidenziando la collaborazione tra “ArenaMuseOpera” e la Fondazione Pavarotti.
Questo è anche l’anno del bicentenario legato alla nascita di Verdi e Wagner, con l’occasione si celebrano i due maestri con un omaggio, inaugurando una mostra a confronto presso palazzo Gran Guardia, adiacente all’Arena, che aprirà al pubblico dopo il 14 giugno 2013.
Ed ora, taglio del nastro e buona riscoperta della lirica italiana.

Palazzo Forti – Via Mercato Vecchio, 6 – Verona – tel. 045 800 1903

fonte foto di copertina www.arena.it