Anteprima Genius al via il progetto “Mostre Sonore”

Genius-online inizia la collaborazione con il progetto “Mostre Sonore”. Il percorso coinvolge  numerose città tra queste Zurigo, Napoli, Roma, Catania e Trieste. L’intenzione del nostro magazine oltre ad organizzare questa mostra nella città di Trieste è quella di rafforzare il “messaggio” che ognuno di noi potrà vivere attraverso la musica del cantautore Felice Romano  e le foto di Noemi Commendatore.   A breve tutte le indicazioni per partecipare.

Il Direttore Responsabile di Genius Online 

Francesco La Bella

_______

leggi l’articolo sul progetto Num Semu Nenti

intervista a Noemi commendatore (in foto apertura)

il cantautore Felice Romano (in foto nell’articolo)

_______

Da un reportage fotografico di NOEMI COMMENDATORE nasce il progetto “Mostre Sonore” percorso di luci ,foto, note, prosa, dibattiti ,gastronomia ed arte varia…. dal titolo “NUN SEMU NENTI“…Un modo nuovo ed originale che parte dall’  incontro di due artisti (Noemi Commendatore e Felice Romano)  di arti apparentemente diverse (fotografia e musica) che fondendosi con altri artisti ed altre arti cercano di porre dei fari su alcuni fenomeni che caratterizzano la società moderna.

Un modo diverso di raccontare storie vissute e tematiche spesso dimenticate  in cui si uniscono a volte fondendosi  tante forme di arte per coinvolgere lo spettatore attivando i diversi sensi della percezione. L originalità  consiste anche nel rendere lo spettatore parte attiva della mostra in quanto sono predisposti degli spazi dedicati all’ espressione dei loro autonomi pensieri che aggiungeranno valore alla tematica prescelta e contribuiranno ad aggiungere ulteriori suggestioni allo spettacolo. Mostre sonore ci dice Noemi Commendatore reduce da una serie di mostre del suo fortunatissimo reportage “nun semu nenti” in Italia (prossimamente anche all’estero ) nasce dalla volontà di proporre tematiche tragicamente attuali ma che sembrano dimenticate . “Con la mia Fedele” dice Noemi “cerco di vedere col cuore e di fotografare ogni cosa stimoli i miei sensi e grazie alla Fotografia ho la possibilità di testimoniare tematiche sociali ingiustamente dimenticate”; Mostre sonore cerca di raccontare pezzi Alteril di vita vissuta  immortalati insieme alla mia Fedele, aggiungendo altre suggestioni, proprio per dare ancora più spessore e senso alle cose che le foto da sole  riescono solo a far immaginare. “Mi e’ poi sembrata suggestiva” aggiunge sempre l’artista siciliana “abbinare piu forme d’arte, in un percorso di tempo in cui le note di Felice Romano incontrano degli scatti di vita, in ambientazioni originali e stimolanti per qualsiasi forma d’arte’’.

L’altro artefice del progetto e’ FELICE ROMANO; cantautore napoletano con all’attivo tre album e numerosi concerti particolarissimi ci dice che “Mostre sonore” nasce dopo aver preso  visione delle foto di Noemi  Commendatore. “La particolarità  che mi ha colpito” aggiunge ancora  il cantautore”,  consiste nel fatto che il “focus” di quasi tutte le foto è improntato più sul particolare che sull’oggetto che si fotografa;  questo consente ad altre forme di arte di continuare a “sviluppare” il concetto della foto e a ravvivarne ancor di più  il messaggio. “Nun semu nenti” infatti e’ diventato un progetto discografico ma anche un percorso di prosa di gastronomia e un forum di discussione. E’ un esperimento particolarissimo e sicuramente audace conclude Felice, che vorremmo ripetere con altre tematiche. L oggetto principale e’ il tema fotografato attorno al quale poi sorgono diverse modalita’ di rappresentazione. Non eslcudo “conclude” che si possano ripresentare altre mostre sonore con altre tematiche ed altri reportage. Mi piace l’idea che una foto possa parlare oltre la foto ed oltre l’artista con linguaggi diversi che si fondono e si aggiungono a quello principale. Non da ultimo “ tiene infine ad evidenziare infine  Noemi “singolarissima e’ anche la serie di  location prescelte che sono particolarissime e di grande impatto emotivo”.

Un nuovo modo per dibattere di tematiche sociali. Nella prima mostra sonora che si tiene in Italia diverse discipline  tenteranno di porre l’attenzione fondamentale ruolo che le vecchie generazioni possono dare al contributo dello sviluppo economico e sociale della nostra societa’.