Al via la 6a edizione del Piccolo Festival d’Animazione

Raggiungere una dimensione regionale con proiezioni che dal 16 al 30 dicembre 2013 toccheranno Gorizia, Pordenone, Udine e Trieste con un programma ad hoc per ogni città, nell’ottica di una manifestazione che supera le barriere generazionali, rivolta sia ad un pubblico adulto che a quello dei più piccoli.

E’ la sfida del Piccolo Festival d’Animazione, la manifestazione che giunta quest’anno alla sua 6° edizione, si presenta come un vero e proprio tour festivaliero che offre un panorama delle produzioni contemporanee di cortometraggi d’animazione, solitamente appannaggio dei grandi circuiti dei Festival Internazionali. Si tratta di animazioni d’autore, spiccatamente originali, molto diverse da quelle che passano nei canali della grande industria del cinema: questa la caratteristica principale del PFA, oltre alla confermata partnership di Animateka Film Festival di Lubiana e la giuria popolare chiamata a votare i lavori presentati.

Pordenone (Cinemazero), Udine (Visionario), Trieste (Teatro Miela e Studio Tommaseo) e Gorizia (Kinemax), sono le quattro location che ospiteranno una sorta di ‘the best of’ di cortometraggi d’autore di oltre 50 film provenienti soprattutto dall’Europa centro orientale, con una diversa programmazione distribuita nei 4 capoluoghi del Friuli Venezia Giulia.

L’iniziativa è stata presentata dalla direttrice artistica del Piccolo Festival Paola Bristot all’interno di Animateka Film Festival, la cui decima edizione si è da poco conclusa nella capitale slovena con molto successo,  e si conferma tra i festival più curiosi e sorprendenti dedicati al cinema d’animazione. Il concorso ufficiale ha visto in gara 37 film, 33 nella sezione “Elephant”, programma internazionale di film per bambini, e 33 in Panorama, dedicata all’area dell’Europa orientale e centrale. Il Jury Gran Prix, secondo la giuria internazionale composta da Dennis Tupicoff, Vanja Andrijevic, Theodore Ushev, Jonathan Hodgson e Chris Robinson, è stato assegnato a “La testa tra le nuvole” di Roberto Catani. Particolarmente apprezzato anche “Boles” di Špela Čadež, piccolo gioiello d’animazione con protagonista uno scrittore squattrinato che sogna di diventare famoso e condurre una vita agiata nella parte ricca della città ha conquistato il cuore del pubblico vincendo l’Audience Award. Best Student Film, assegnato dall’Università di Nova Gorica e di Lubiana, è “Plug and Play” dello svizzero Michael Frei.

Ma quali sono le proposte in programma al Piccolo Festival di Animazione? Si comincia la mattina del 16 dicembre al Kinemax di Gorizia, dove grazie alla collaborazione con Palazzo del Cinema, verrà proposta la sezione AnimaKIDS, con i film dedicati agli studenti delle scuole, elementari e medie superiori, ma aperte a tutti. AnimaKIDS si replica poi la mattina del 17 dicembre a Cinemazero e il 18 al Visionario.

Più espressamente rivolta ad un pubblico adulto è la programmazione serale, diversificata nei quattro appuntamenti. A Cinemazero il 17 dicembre la scena sarà dei film realizzati da autori molto giovani che hanno ottenuto importanti premi e segnalazioni al Festival di Cannes e di Annecy, caratterizzando la serata per versatilità delle soluzioni e invenzioni poetiche.

Autori di fumetto, illustratori e artisti sono i protagonisti dei due appuntamenti a Trieste. Al Teatro Miela il 18 dicembre e allo Studio Tommaseo il 28 sarà possibile vedere film realizzati da chi svolge anche un’attività artistica o di illustratore, come Danijel Žeželj, Stefano Ricci, Marko Tadić o Simone Massi, giustamente chiamato a realizzare la sigla della Biennale Cinema di Venezia.

Udine chiude il tour il 30 dicembre con le ultime opere di Gianluigi Toccafondo e Roberto Catani e le proiezioni di film provenienti soprattutto dall’area austriaca e tedesca, ma con l’interessante incursione polacca di Wojciech Wojtkowski e del curioso “Astigmatismo” di Nicolai Troshinsky.