A Pordenone la XXXI edizione delle Giornate del Cinema Muto

Tutto pronto al Teatro Verdi di Pordenone per la 31esima edizione delle Giornate del Cinema Muto, in programma dal 6 al 13 ottobre con un programma ricco e articolato che sfida la crisi e che conferma il credito di cui la manifestazione gode a livello internazionale. tra i 50 eventi da non perdere al mondo, secondo “Variety”, l’evento cinematografico più importante d’Italia dopo Venezia secondo Marco Müller. Il programma prevede eventi orchestrali, celebrazioni importanti – il bicentenario dickensiano in primis – e nuove scoperte presentate in anteprima mondiale.

Tra le rarità di questa 31esima edizione, Greta Garbo, Marion Davies e Giovanna D’Arco (in occasione dei seicento anni della nascita) di Carl Theodor Dreyer per gli eventi con l’orchestra, una rassegna e una mostra per celebrare il bicentenario di Charles Dickens, il talento riscoperto di Anna Sten e l’anteprima mondiale del ritrovato “Robinson Crusoe” di Méliès: proprio nel momento in cui Martin Scorsese, con il suo “Hugo Cabret”, ha fatto conoscere al grande pubblico il nome e l’opera di Georges Méliès, è venuta alla luce – e sarà presentata a Pordenone in anteprima mondiale dalla Cinemathèque française – una copia a colori di quello che è probabilmente il suo film più bello.

Realizzato nel 1902, lo stesso anno del celebre “Viaggio sulla luna”, ma rimasto invisibile per più di un secolo, è una frizzante e spiritosa versione del “Robinson Crusoe” di Defoe, con un Méliès insolitamente giovane nel ruolo del protagonista. Un’altra anteprima mondiale, risultato sempre di uno storico restauro della cineteca parigina, è la presentazione del Phono-cinéma-théâtre, meraviglia tecnologica e una delle attrazioni di maggior dell vigrx plus buy in guelph‘ Esposizione di Parigi del 1900, vero trampolino di lancio per l’invenzione dei Lumière e importante vetrina per le sperimentazioni sul suono e sul colore.

Il festival, diretto da David Robinson, si apre con la commedia di King Vidor “The Patsy” (1928) con Marion Davies e Marie Dressler, presentato con la partitura di Maud Nelissen che sarà eseguita nella cornice del Teatro Comunale Giuseppe Verdi dalla FVG Mitteluropa Orchestra.

Il film di chiusura sarà invece “A Woman of Affairs” (1928) di Clarence Brown con Greta Garbo e John Gilbert, anche questo presentato con la musica dal vivo composta da Carl Davis, che dirigerà in sala l’orchestra regionale. In occasione dei seicento anni della nascita di Giovanna d’Arco, mercoledì 10 ottobre sarà proiettato, eccezionalmente nel Duomo di San Marco, il capolavoro di Carl Theodor Dreyer “La passione di Giovanna d’Arco” (1928).

Fra gli eventi speciali delle Giornate 2012, l’omaggio a Charles Dickens in occasione del bicentenario del grande scrittore inglese, e “Le petite nuage”,  leggera, romantica fantasia muta contemporanea ambientata a Parigi, con la quale Renée George, della troupe di “The Artist”, ha voluto rendere il suo personale omaggio alla magia del cinema muto.

“Le petit nuage” è concepito come primo segmento di una serie di corti dedicati all’amore, ognuno girato in un paese diverso, da assemblare in un lungometraggio dal titolo “7 Short Films About Love”. Fondamentale anche in questo caso il ruolo della musica, composta da Robert Casal con la stessa Renée George, che sarà a Pordenone per presentare il film.