“Prego si accomodi”! La sedia, quattro gambe per conquistare il mondo.

Con la mostra “Il Giardino delle Delizie di Carla Tolomeo” ospitata al Museo della Musica e del Teatro di San Pietroburgo dal 14 Marzo al 15 Maggio 2017, la Galleria d’Arte Contini – in collaborazione con la Galleria Art Holding di Tatiana Nikiitina – riporterà oltre i confini nazionali l’eclettico mondo artistico di Carla Tolomeo, esponendo alcune delle sue più sorprendenti sedie sculture, insieme a disegni, arazzi e acquerelli.

Carla Tolomeo è una personalità artistica completa, la sua vicenda si svolge tra studi, ricerche e acute illuminazioni che le hanno permesso di esprimersi con pari agio nella pittura, scultura e scrittura, dimostrando come possa esistere una compenetrazione tra le diverse espressioni d’arte.

Carla ha avuto già dagli esordi della sua carriera le carte in regola per imporsi come artista: giovanissima allieva di de Chirico, pittrice e scultrice, lavori esposti in Italia, Europa e Stati Uniti, prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. Ma dopo la sua ultima mostra a Londra, “Omaggio a Leonardo” alle Leicester’s Galleries, nel 1997, la svolta determinante del suo percorso.

 

Deve assistere la madre malata, è costretta quindi a rinunciare ad un contratto con un’importante galleria londinese, non può dipingere e deve restare praticamente chiusa nella casa di Milano. Ma il suo spirito creativo non si fa imprigionare. È di quel periodo la creazione della prima sedia-scultura, una scommessa con sé stessa sulla possibilità di trasformare un normale oggetto domestico del quotidiano in creazione artistica: la “Sedia”, appunto, quella che l’ha portata ovunque nel globo, il vero trampolino di lancio per la sua affermazione a livello mondiale

 

“C’è il mondo e poi c’è quello che inventi, che costruisci a tua misura” dice Carla Tolomeo, e l’universo parallelo di Carla Tolomeo è un mondo magico, creato combinando tessuti preziosi, pazienza e genialità di una grande artista del nostro tempo con una sedia, antica, dismessa o dimenticata, reinventata e trasforma in opera d’arte unica nel suo genere.

Carla Tolomeo è artista poliedrica che fedele al suo motto “never rest on my laurels” non smette di sperimentare e sperimentarsi su nuovi materiali e ispirazioni.

Da un incontro con Borges e il suo “Manual de Zoològia fantastica” sono nati i disegni poi diventati sculture in ceramica, legno, resina, velluto e infine sedie.

Fantasia pirotecnica unita a vulcanica creatività, ciascuna delle straordinarie sedie sculture di Carla è una sorpresa, la componente giocosa si intesse con quella onirica. Così come si fondono i tessuti preziosi, sulla spalliera di una sedia può inerpicarsi un gruppo di tartarughe, posarsi una farfalla, uno stormo di pappagalli, spuntare una palma o un cespuglio di ananas.

Ecco come si crea la magia della “Signora delle sedie”, regina indiscussa della fantasia nell’accomodarsi, partendo da elementi semplici che diventano d’incanto più interessanti e preziosi, catalizzando l’interesse di persone che amano vivere in un ambiente originale.

Le Sedie-scultura, da subito recensite dalle più importanti riviste d’arte e di arredo del mondo, diventano oggetto di attenzione, citazione e collezionismo; sono contese dai più prestigiosi musei del mondo da Dallas, all’Asian Museum di Seul, da New York al museo Puskin di Mosca a Londra oltre che dal gotha del collezionismo mondiale, richieste dalla Maison Hermès di Parigi, presenti nelle boutique Bluemarine di Anna Molinari in ogni angolo del mondo.

Attualmente alcune sue meravigliose creazioni sono esposte a Mosca, Museo di arte popolare, in una esclusiva mostra curata dalla Maison Hermès “Il labirinto di seta”: una delle parti più preziose della mostra sono due opere di Carla Tolomeo, sedie-scultura di più di 2 m di altezza rivestite in velluto e sciarpe d’epoca prodotte dalla prestigiosa casa di mode francese.

Opere della Tolomeo sono presenti nelle collezioni del museo della casa di moda Hermès, Museo delle Arti Decorative (Berlino), Museo di Arte Contemporanea (Zagabria), famiglie reali d’Europa, importanti collezionisti privati, così come nelle case di Sophia Loren, Naomi Campbell, Sylvester Stallone e altri personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo.

 

 

Quest’anno Carla Tolomeo, è stata anche protagonista dell’evento conclusivo di Cortinametraggio, Festival del cortometraggio giunto alla XII Edizione che si è svolto a Cortina d’Ampezzo dal 20 al 26 marzo 2017. Per l’occasione ha realizzato un’opera dedicata a questa manifestazione, che è stata donata dalla Galleria Contini a conclusione del festival.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

www.continiarte.com